Gerusalemme, breve guida a 4 luoghi imperdibili

Qualche settimana fa abbiamo parlato di quanto sia imperdibile una tappa al Museo del Tempio da parte di tutte quelle persone che sono in visita a Gerusalemme. Abbiamo anche precisato che le attrazioni di questa città sono numerosissime e, in tal proposito, oggi abbiamo voluto indicarne quattro, tra le più note.

Muro del Pianto e quartiere ebraico

Il Muro del Pianto è il muro di contenimento superstite del Primo Tempio di Gerusalemme. Comunemente chiamato anche come Muro occidentale, in realtà il nome con cui è oramai noto a livello internazionale è quello del Muro del Pianto a causa dei lamenti del popolo per la perdita del tempio nel 70 d.C., Oggi è il sito più sacro del giudaismo ed è stato un luogo di pellegrinaggio per il popolo ebraico fin dall’epoca ottomana.

Il quartiere ebraico della Città Vecchia va all’incirca dalla Porta di Sion verso est fino alla Piazza del Muro Occidentale. Questa parte della Città Vecchia fu distrutta durante i combattimenti israelo-arabi nel 1948 ed è stata ampiamente ricostruita dal 1967. Una delle attrazioni principali per gli appassionati di storia è il Parco Archeologico di Gerusalemme, all’estremità meridionale della Piazza del Muro Occidentale, dove gli archeologi hanno portato alla luce affascinanti resti della vecchia Gerusalemme.

La via del quartiere ebraico (Rehov HaYehudim) è la strada principale del quartiere, e deviando da questa strada verso le strade laterali circostanti si trova un gruppo di sinagoghe interessanti da visitare.

Chiesa del Santo Sepolcro

Per i pellegrini cristiani, la Chiesa del Santo Sepolcro è il luogo più sacro di Gerusalemme e si dice che sia stata costruita sul luogo in cui Gesù fu crocifisso. Il sito della chiesa fu scelto da Sant’Elena – madre di Costantino il Grande durante il suo giro in Terra Santa. Fu lei ad annunciare al mondo bizantino che questo luogo era il Calvario (o Golgota) dei vangeli.

La chiesa originale (costruita nel 335 d.C.) fu distrutta nel 1009, e la grande chiesa che vedete ora risale all’XI secolo. Questo è il punto finale del pellegrinaggio della Via Dolorosa, e le ultime cinque stazioni della Via Crucis sono all’interno della stessa Chiesa del Santo Sepolcro. L’interno contiene varie reliquie sacre, e i quartieri all’interno della chiesa sono di proprietà di diverse confessioni cristiane.

Quartiere armeno

Un’altra attrazione è sicuramente quella del Quartiere armeno. A sud della Cittadella, la strada del Patriarcato Armeno è la strada principale del piccolo quartiere armeno della Città Vecchia.

All’interno delle strette stradine si trovano la Cattedrale di San Giacomo e la Cappella di San Marco, che ricevono molti meno visitatori di altre nella Città Vecchia. Gli armeni hanno fatto parte della comunità di Gerusalemme per secoli, arrivando per la prima volta in città nel V secolo. Molti altri arrivarono durante l’epoca ottomana e dopo i massacri armeni in Turchia all’inizio del XX secolo. Si tratta dell’angolo più tranquillo della Città Vecchia da esplorare ed è un buon posto per passeggiare se la pressione dei pellegrini diventa eccessiva.

Via Crucis

Per molti visitatori cristiani, la Via Crucis è il punto culminante di una visita a Gerusalemme. Si tratta di un cammino che segue il percorso di Gesù Cristo dopo la sua condanna mentre porta la sua croce verso l’esecuzione al Calvario. La passeggiata è facilmente percorribile in modo indipendente, ma se sei qui di venerdì, puoi unirti alla processione lungo questo percorso guidata dai monaci francescani italiani.

Il percorso della Via Crucis è segnato dalle quattordici stazioni della Via Crucis, alcune delle quali sono basate sui racconti dei Vangeli e altre sulla tradizione. Il cammino inizia nel quartiere musulmano della Città Vecchia (1a stazione, vicino all’incrocio con Via HaPrakhim) da dove si segue la strada verso ovest attraverso otto stazioni fino a raggiungere la 9a stazione presso la Chiesa del Santo Sepolcro, dove si trovano le ultime cinque stazioni.

Il percorso attuale si estende per circa 600 metri ed è stato il percorso accettato dal 18° secolo, sostituendo le precedenti vie processionali che i pellegrini cristiani in città avevano usato fin dall’8° secolo circa.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi