Come andare nei Caraibi in epoca Covid-19

Guidati dal piano della Giamaica di offrire ai visitatori un’assicurazione di viaggio e dagli sforzi a livello regionale per vaccinare i residenti e i lavoratori del turismo, le nazioni caraibiche stanno adattando i protocolli di salute e sicurezza stabiliti per mantenere l’attività turistica cruciale anche se diverse gestiscono picchi locali di coronavirus.

Infatti, diverse destinazioni regionali stanno registrando un forte numero di visitatori nonostante la miriade di difficoltà create dalla pandemia del coronavirus. I funzionari sono cautamente ottimisti con l’avvicinarsi della stagione invernale, tradizionalmente il periodo di viaggio più intenso della regione. “Siamo leggermente in anticipo rispetto alle nostre proiezioni [di visitatori] per il 2021 e prevediamo che la crescita continuerà fino alla fine dell’anno“, ha detto Donovan White, direttore del turismo della Giamaica.

Parlando martedì durante un briefing dei media con i paesi membri della Caribbean Tourism Organization (CTO), White disse che la Giamaica aveva registrato 829.000 arrivi di visitatori alla fine di agosto. “[A parità di condizioni], avremo una stagione turistica invernale di successo che inizierà nel 2022“, ha detto.

La Giamaica si sta anche preparando a far debuttare un programma di assicurazione di viaggio per i visitatori promesso da tempo, ha detto White. “Siamo attualmente nel processo di selezione dei vettori per un’assicurazione di viaggio che cambierà il gioco“, ha detto White. La copertura “faciliterà la logistica, il movimento e l’assistenza alle persone che contraggono il COVID-19 nella destinazione mentre sono in vacanza“, ha detto. I dettagli sul programma “devono arrivare”, ha detto White.

Il tasso di vaccinazione complessivo dei residenti in Giamaica rimane basso e il paese è stato soggetto a frequenti giorni di “non movimento” a causa di picchi locali di coronavirus.

Tuttavia, le attività turistiche continuano, limitate ai “corridoi resilienti” del paese, che comprendono l’85% delle attrazioni turistiche giamaicane. “Crediamo che questo indichi che i nostri protocolli stanno funzionando e che possiamo facilitare tutti i tipi di viaggiatori alla destinazione“, ha detto White.

I corridoi rappresentano meno dell’uno per cento della popolazione giamaicana e hanno registrato un tasso di infezione dello 0,4 per cento, ha detto White. Il governo ha istituito una task force per la vaccinazione del turismo per facilitare la vaccinazione COVID-19 per tutti i lavoratori del turismo, ha detto White.

Altre destinazioni caraibiche che dipendono dal turismo stanno resistendo ai picchi di coronavirus mentre promuovono la vaccinazione e protocolli rigorosi per mantenere l’attività turistica. Curacao ha sopportato un importante picco di COVID-19 a marzo e aprile che ha incluso un blocco dell’isola con arrivi minimi e movimenti limitati, ha detto Paul Pennicook, CEO dell’Ente del Turismo di Curacao.

Tuttavia, da quel momento, “I [numeri COVID] si sono stabilizzati e siamo a un punto in cui è molto sicuro venire a Curacao“, ha detto Pennicook, aggiungendo che il 70% dei residenti sopra i 16 anni sono completamente vaccinati. Mentre Curacao è popolare tra gli europei, “i nostri arrivi nordamericani sono molto meno di quanto vorremmo“, ha detto Pennicook. Tuttavia “abbiamo attualmente sviluppi nel nostro settore alberghiero che sono molto amichevoli per i nordamericani“, ha detto.

Nel frattempo, St. Maarten sta riportando “una tendenza gradualmente crescente per la nostra estate“, ha detto May-Ling Chun, direttore del turismo. “La maggior parte dei visitatori sono venuti dagli Stati Uniti, che guidano la nostra ripresa“, ha aggiunto.

Barbados ha ampliato le sue strutture di test COVID-19 per i visitatori e i residenti, con laboratori di test COVID in loco istituiti presso le proprietà Crane Resort e Sandals Barbados, ha detto Lisa Cummins, ministro del turismo del paese. Cummins ha detto che i laboratori “sono stati al servizio dell’industria“, ma sono aperti a tutti i residenti e viaggiatori. Inoltre, “quasi il 90 per cento dei nostri visitatori dai nostri principali mercati di origine arrivano vaccinati“, ha detto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi