Reykjavík: storia e presente della capitale islandese

Come raccontato negli antichi manoscritti Íslendingabók e Landnámábók, le origini di Reykjavík risalgono al primo colono del Paese, Ingólfur Arnarson, che qui arrivò nell’874 d.C.. Chiamò il posto “baia fumosa” (reykja significa “di fumo”, vík significa “baia”), pensando erroneamente che i lontani pennacchi di vapore che uscivano dall’acqua di sorgente bollente fossero fumo causato dal fuoco.

Non era certamente il posto più florido in cui stabilirsi, considerato che il terreno era troppo sterile per sostenere un’agricoltura di successo. Ecco dunque che Reykjavík rimase scarsamente abitata fino a quando un boom della pesca in mare all’inizio del XVII secolo portò qui i commercianti danesi. Dopo di che, nacque una piccola baraccopoli per ospitare la loro forza lavoro islandese.

Più tardi, a metà del XVIII secolo, Skúli Magnússon, il funzionario responsabile degli affari amministrativi di Reykjavík (landfógeti), un uomo che oggi è considerato il fondatore della città, usò Reykjavík come base per stabilire industrie controllate dagli islandesi, aprendo diversi mulini e concerie e importando artigiani stranieri per trasmettere le loro abilità. Lo statuto municipale fu concesso nel 1786, quando la popolazione ammontava a soli 167 abitanti – stabilendo la rotta per l’accettazione di Reykjavík come capitale dell’Islanda. Alla fine del XVIII secolo, la città sostituì Skálholt come sede religiosa nazionale e ottenne la cattedrale luterana, Dómkirkjan; ottant’anni dopo, con l’apertura del nuovo edificio Alþingi, divenne la sede del parlamento nazionale.

Dall’indipendenza nel 1944, l’espansione è stata quasi continua. Come porto di pesca, porto per i prodotti delle fertili fattorie del sud-ovest e centro di una varietà di piccole industrie, Reykjavík dà lavoro a più della metà della popolazione del Paese. La città è stata anche pioniera nell’uso dell’energia geotermica per fornire un riscaldamento a basso costo – ecco perché bisogna aspettare l’acqua fredda invece di quella calda quando si fa la doccia, e perché l’acqua del rubinetto ha sempre un sentore di zolfo!

Negli ultimi anni c’è stato anche un sostanziale boom del turismo. Il numero sempre crescente di visitatori a Reykjavík è in gran parte dovuto al maggior numero di compagnie aeree che ora operano in Islanda, e al crollo del sistema bancario del Paese e della valuta nel 2008 che ha visto i prezzi cadere della metà praticamente da un giorno all’altro per chiunque convertisse denaro nella króna islandese, precedentemente sopravvalutata. Di conseguenza, l’Islanda non ha mai offerto un miglior rapporto qualità-prezzo. Il boom della costruzione di alberghi a Reykjavík è un segno sicuro che il turismo non è mai stato così importante e che l’economia islandese è di nuovo in ripresa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi