Buone notizie per il turismo umbro

gubbio-830401_960_720Buone notizie per il turismo del “cuore” d’Italia, con l’Umbria che può ben celebrare i risultati positivi conseguiti nel corso degli ultimi tempi, guardando con sempre maggiore ottimismo a quel che potrebbe accadere nell’attuale 2016, e nel prossimo triennio.

A certificare tale positività è stato, negli ultimi giorni, l’assessore al turismo Fabio Paparelli (che è altresì vicepresidente della giunta regionale), secondo cui il bimestre marzo – aprile (l’ultim operiodo al quale è possibile riferire dati ufficiali) si sarebbe confermato come molto positivo per il turismo umbro, forte di 429 mila arrivi e 865 mila presenze. In tutto, uno sviluppo del 10,2 per cento negli arrivi e dell’11,78 per cento nelle presenze rispetto a quanto era stato riscontrato nello stesso bimestre dello scorso anno.

Insomma, i dati – prodotti dall’Osservatorio regionale sul turismo – evidenziano come il trend da record che è stato inaugurato fin dalla stagione invernale stia proseguendo e si stia consolidando, andando a incidere sensibilmente sia nel settore alberghiero, dove si registra una variazione positiva dei flussi dell’8,50 per cento in termini di arrivi e del 12 per cento in termini di presenze, sia nel settore extra alberghiero, che registra un incremento degli arrivi del 14,51 per cento e un incremento delle presenze dell’11,42 per cento.

Per quanto concerne le linee programmatiche, è lo stesso assessore Paparelli a informare della decisione di proseguire nella strategia di investimento, finalizzato al consolidamento delle tendenze. In particolare, per poter dare continuità al lavoro e ai risultati che sono stati conseguiti, la giunta ha scelto di stanziare più di 3 milioni di euro da investire fino a fine anno nelle attività di promozione turistica, e individuati all’interno dell’approvazione delle linee di indirizzo 2016 relative alle misure europee a sostegno alla fruizione integrata delle risorse della cultura e della natura, e della promozione delle destinazioni turistiche.

L’assessore ha in tal proposito concluso aggiungendo che con questa decisione vengono messe a punto le strategie di promozione e le azioni prioritarie sulle quali la regione Umbria intende continuare a lavorare alacremente anche nel corso dei prossimi anni, in coerenza con gli obiettivi che vengono assegnati dall’Europa, e stimolando così una migliore interconnessione tra la valorizzazione dei beni culturali e il riposizionamento competitivo delle destinazioni a vocazione turistica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi