Napoli, nuova app per un turismo consapevole

naples-1230399_960_720È nata una nuova app che vi permetterà di sapere tutto – ma proprio tutto – su ciò che è indispensabile vedere a Napoli. Chi è in visita al capoluogo campano può infatti da oggi accedere alle informazioni contenute nell’app gratuita “Itinerari di Napoli”, già disponibile per Android (e presto per altre piattaforme): un’app semplice ed efficace, che permetterà di disporre di una vera e propria guida partenopea a portata di toutchscreen. Un’app che ha già riscosso un buon successo, e che sta ora salendo alla ribalta dei principali media locali, e non solo. Ma come funziona?

“L’ho ideata qualche estate fa e realizzata in un anno” – ha rivelato al quotidiano La Repubblica il suo creatore, Massimiliano Sacchetto – “Dovevo acquistare un biglietto per la Cumana, però non riuscivo a trovare un chioschetto in zona, né un infopoint. Così ho pensato a tutti quei turisti che potrebbero trovarsi in simili difficoltà”.

Ma perché i turisti dovrebbero preferire questa app e non le tante concorrenti a disposizione? Anche in questo caso, la mente dietro il software è ben certo di sé: “Sono due le funzioni che rendono quest’app diversa dalle altre. In primis il fatto di avere in linea, 24 ore su 24, personale competente che fornisca agli utenti indicazioni e assistenza, anche di pronto intervento e soccorso. Poi, attraverso una chat integrata, c’è la possibilità di condividere l’esperienza da visitatori con chiunque altro stia utilizzando l’app nello stesso momento in un raggio di dieci chilometri”.

Per quanto concerne il suo funzionamento, una volta che si ha avuto accesso all’app, ci si troverà dinanzi a una schermata divisa in 8 caselle: piazze, musei, palazzi antichi, luoghi della musica, del cinema, percorsi in bicicletta, Napoli da passeggiare, assistenza. Funzionante in modalità background, l’app permetterà di poter ricevere informazioni man mano che si procede nella visita partenopea. “Il progetto – prosegue Sacchetto – può essere implementato fino a trasformarsi in un catalogo multilingue, geolocalizzato tramite rilevatore Gps. Ci sono percorsi prestabiliti e l’impostazione “camminata libera”, per il fruitore che preferisce andare alla scoperta della città in base alle sue esigenze”.

Per quanto attiene infine il successo ottenuto dall’app, di cui in parte si è già detto, ricordiamo anche che il software ha ottenuto il partenariato dell’università Suor Orsola Benincasa, di Città della Scienza e dell’Abbac, l’associazione che riunisce bed and breakfast e affittacamere della Campania. Ha inoltre ottenuto il patrocinio dell’assessorato comunale al Turismo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi