Aceredo, il villaggio fantasma spagnolo

Non ci sono molti lati positivi quando si tratta di cambiamento climatico – meno di tutti nel settore dei viaggi e del turismo, dove i responsabili dell’industria prevedono un calo dei viaggi all’estero con l’aumento delle temperature. Ma nella regione nord-occidentale della Spagna, la Galizia, una grave siccità legata alla crisi climatica ha portato alla luce un luogo turistico sepolto – attirando visitatori da molto lontano.

Il “villaggio fantasma” di Aceredo è stato inondato per creare il bacino di Alto Lindoso nel 1992. Ma dopo 30 anni sott’acqua, le sue rovine inquietanti sono di nuovo accessibili dopo che i livelli della diga si sono ridotti a solo il 15 per cento della loro capacità totale. “È come se stessi guardando un film”, dice il pensionato 65enne Maximino Perez Romero di A Coruna, che un tempo viveva nel villaggio. “Ho una sensazione di tristezza. Mi preoccupa che questo sia ciò che accadrà negli anni a causa della siccità e del cambiamento climatico”.

La resurrezione di Aceredo segue il gennaio più caldo da record in Spagna, con temperature medie giornaliere di oltre due gradi Celsius più calde rispetto agli anni precedenti. È anche il quinto inverno più secco del paese, con precipitazioni pari ad appena un terzo della media stagionale. E questo è chiaro a chi visita i resti di Aceredo – un villaggio sterile situato sulle pianure di fango screpolate del bacino prosciugato di Alto Lindoso. Tetti parzialmente crollati, detriti di legno e auto abbandonate sono sparsi in tutto il paese, creando un’immagine agghiacciante di come era la vita una volta in questo luogo dimenticato.

Jose Alvarez, un ex operaio edile di Lobios, prova nostalgia quando ricorda i suoi giorni di lavoro ad Aceredo. “Una volta venivo a lavorare qui a piedi, portando con me un chorizo se ce n’era uno”, dice. “Lavoravo nel villaggio come operaio edile e vederlo ora rispetto ad allora è terribile, ma è quello che è. Questa è la vita. Alcuni muoiono e altri vivono”.

“I turisti sono i benvenuti, purché le persone agiscano in modo responsabile”, dice Maria Del Carmen Yanez, il sindaco di Concello De Lobios, l’organo di governo della zona. “È nostalgico per loro vedere riemergere la casa di un membro della famiglia, la propria o di qualcuno che conoscono”. E per coloro che non hanno familiarità con la zona, la novità di camminare intorno a un villaggio sottomarino è ancora sufficiente per attirarli verso le rovine.

Ora rimangono domande su quanto durerà la siccità in Spagna – e per quanto tempo il villaggio fantasma di Aceredo rimarrà sopra l’acqua. Per il momento, i serbatoi della Spagna sono a una pienezza media di appena il 44 per cento – ben al di sotto della media del 61 per cento registrata nell’ultimo decennio. E con la siccità che sta diventando sempre più comune in tutta Europa, gli esperti prevedono che questa potrebbe non essere l’ultima volta che il villaggio di Aceredo rialza la testa dal bacino di Alto Lindoso.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi